I DANNI DELL’ABUSIVISMO


Risultati immagini per ischia terremoto

Ancora una volta ci ritroviamo a piangere, alcuni piangono lacrime di coccodrillo. Ad Ischia, un terremoto del quarto grado della Scala Richter ha provocato 2 morti, 39 feriti e numerosi crolli. E’ successo ieri poco prima delle nove di sera, alle 20:57. A Casamicciola sono crollati sette palazzi, oltre alla Chiesa di Santa Maria del Suffragio, all’interno della quale si trovava una delle due vittime; e alla Chiesa del Purgatorio.

Nonostante il relativamente basso grado di intensità del terremoto, quest’ultimo ha provocato numerosi crolli, anche a causa della bassa profondità (l’epicentro è stato registrato a soli 5 km di profondità). Ma ciò che li ha provocati veramente sono l’abusivismo e le concessioni edilizie troppo facili. La troppa cementificazione e l’aver utilizzato cemento impoverito hanno causato il vero danno.

Ischia è un’isola che d’estate conta 250.000 persone, tra residenti e turisti, e questa estate non ha fatto eccezione. Panico tra i turisti, numerosi di questi hanno infatti ritirato il biglietto e rinunciato a sbarcare nell’isola. A Lacco Ameno, comune confinante con Casamicciola, è stato evacuato l’ospedale Rizzoli per la presenza di numerose crepe nell’edificio con la necessità di verifiche strutturali. Tuttavia poco fa è stata diffusa la notizia che l’ospedale è agibile, e i pazienti evacuati vi possono rientrare.

Il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania, Egidio Grasso, denuncia le costruzioni abusive realizzate con cemento impoverito e senza alcuna verifica sismica.

Fonte: Il Tirreno, immagine: TGCom24

Ancora una volta dunque ci ritroviamo a piangere vittime e feriti. Non mi stancherò di ripetere che bisogna fare un censimento nazionale di tutti gli edifici (abitazioni e tutto il resto) abusivi e non, case vuote e case da ristrutturare, ed abbattere le case abusive in zone ad elevato rischio di dissesto, una volta trasferiti gli inquilini ad altre case vuote in zone sicuramente meno pericolose dal punto di vista idrogeologico. Il vero responsabile è l’uomo, l’italiano che fa le cose alla carlona, che fa le cose pensando di essere astuto e furbo, raggirando le regole e la legge, e colui che chiude uno o entrambi gli occhi di fronte agli scempi, il controllore che magari è anche controllato e non può decidere liberamente.

L’IMPRONTA DEI LINKIN PARK


Risultati immagini per linkin park

I Linkin Park sono stati da sempre non il mio gruppo preferito, ma il mio gruppo del cuore! Sono stati veramente importanti, e hanno lasciato un’impronta indelebile nella mia vita, soprattutto per quanto riguarda l’ecologia. La morte di Chester, il cantante, avvenuta esattamente un mese fa, il 20 luglio, è stato un terremoto nel mio cuore, soprattutto perché ora non so se il mio gruppo del cuore continuerà a cantare senza di lui, né se troverà un sostituto, anche se non è degno di Chester, perché lui era il miglior urlatore, una bestia da palco. E chi ci arriva a quelle urla?

Vi voglio, per quanto possibile brevemente, raccontare la mia storia di fan dei Linkin Park. Li ho conosciuti registrando alla radio (allora avevo la mania di registrare musicassette con canzoni prese dalla radio) una delle loro canzoni più energiche: One Step Closer. Era il 2000. Con i miei compagni di classe abbiamo deciso di fare colletta per comprare un disco: o quello dei Linkin Park (Hybrid Theory, il primo della loro carriera), o quello di Eve, che a quell’epoca andava molto forte. Al che ho deciso IO di optare per i Linkin Park, e l’amore è sbocciato subito.

Un mix perfetto tra la voce dolce e rap di Mike Shinoda e l’energia graffiante e urlante di Chester Bennington. Un mix tra chitarre distorte al massimo (il massimo della potenza metal), i ritornelli urlati di Chester e le strofe dolci del rapper Mike. Una vera bomba musicale! Il secondo album è pressoché simile al primo, anche se meno aggressivo. E’ “Meteora”, che contiene “Numb”, acquistato subito. Era il 2003.

Un giorno l’oculista mi ha assegnato degli occhiali da vista, ero all’università, nel 2004. Avevo degli occhiali “a ruota di bicicletta” che odiavo perché mi rendevano bruttissimo. Al che ho detto: se devo rimettermi gli occhiali voglio scegliere di somigliare a Chester, che nel video Numb portava occhiali rettangolari. E così è stato. Volevo rassomigliare a lui, al cantante del mio gruppo del cuore.

Passano tre anni, i Linkin Park annunciano il cambio di rotta, il nuovo stile musicale, e io attendo con curiosità ma anche con dispiacere (visto che non sarebbero stati più aggressivi) l’uscita del loro terzo album, e il 2 aprile 2007, la data più importante per me nella mia vita (se non erro era il giorno di Pasquetta), esce il primo singolo di “Minutes to Midnight”. E’ “What I’ve Done”! Un video (eletto quasi all’unanimità il miglior video del 2007!) che mi ha talmente colpito, assieme alla bellissima melodia, da avermi fatto capire qual era la mia vocazione terrena: diventare ecologista e scendere in campo per combattere per l’ambiente. Da quel giorno, da quella data, da quel video, sono in campo per lottare ogni giorno, con i miei poveri mezzi che ho a disposizione, per la difesa della natura. Grazie a quel video, grazie a Chester Bennington, grazie al mio gruppo del cuore, grazie ai Linkin Park ❤ E il disco è stupendo, perché si sente la maturità artistica di questi ragazzi, in conto di testi, di energia e di melodie, un disco eclettico, per tutti i gusti.

Nel 2010 esce il loro quarto disco, si dice che i testi siano ecologisti, ma a dire il vero, contenendo al suo interno canzoni troppo diverse dal loro genere e troppe tracce strumentali (altra particolarità dei loro dischi), non ho gradito. Sperando fosse una parentesi continuo ad aspettare l’uscita di altri dischi. E nell’estate 2012 esce “Living Things”, il loro quinto album. Un album decisamente soft, ma non mancano le distorsioni e gli “scream” di Chester. Un mix tra metal ed elettronica, soft, sì, ma una grande musica.

Ma il sesto disco è quello che loro hanno dichiarato essere “il più incazzato” della loro discografia. E’ il giugno 2014, e il disco lo faccio subito mio. Credendo che continuassero con questo stile (anche se con i Linkin Park so bene che non ci si può aspettare un prossimo album uguale a quello precedente) attendo il loro settimo disco, che esce il 19 maggio 2017, con l’anticipazione del primo singolo “Heavy”. Heavy, con un titolo così un fan del metal e delle canzoni urlate come me penserebbe subito che si tratti di una canzone heavy, cioè, tosta, metal. E invece mi ritrovo quasi ad ascoltare una sorta di canzone stile Justin Beaber e gli One Direction. Una delusione totale, che mi rifiuto di ascoltare.

Fino al 17 luglio scorso, quando decido di ascoltarlo e di scaricare da internet solo le canzoni da “salvare”. Avrei voluto fare così anche con il quarto disco, ma non ho avuto tempo, e così il 17 luglio scorso ho ascoltato solo il loro ultimo album, “One More Light”, riuscendo a salvare soltanto due canzoni, che poi hanno lanciato su youtube: “Good Goodbye” e l’ultima, già programmata, lanciata poche ore dopo la morte di Chester, “Talking To Myself”.

Aspettavo subito il loro ottavo disco, sperando che questa fosse solo una parentesi musicale, continuando ad amarli. E invece tre giorni dopo, il 20 luglio, alle 20:45 è arrivata la tremenda notizia: Chester Bennington, cantante dei Linkin Park, si è impiccato alla sua porta di casa, il giorno del compleanno del suo grande amico di sempre Chris Cornell, cantante dei “Soundgarden”, suicidatosi allo stesso modo pochi mesi prima, e a cui Chester aveva scritto e dedicato il testo di “One More Light” che poi ha dato titolo alla loro ultima fatica musicale. Al funerale di Cornell, un commosso Chester aveva cantato Hallelujah. Inizialmente pensavo ad una bufala, ma invece era tutto vero: Chester non c’è più, è diventato quell’Angelo del Metal “con le ali da libellula” (che è l’immagine del loro primo disco Hybrid Theory).

Chester aveva subìto anni e anni di violenze carnali e sessuali quando era piccolo. Questo shock lo ha portato al suicidio, oltre al fallimento del suo primo matrimonio. Nonostante la nuova moglie, dalla quale ha avuto tre figli (altri tre li aveva avuti dalla prima), nonostante l’amore della moglie, nonostante l’amore dei fans, nonostante l’affetto e la vicinanza del gruppo, i suoi migliori amici, i Linkin Park e tutto il sostegno che gli hanno dato, Chester non ha retto a quel trauma, e la morte dell’amico è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Chester Bennington muore a soli 41 anni uccidendosi allo stesso modo il giorno del compleanno dell’amico scomparso. A noi fans lascia un vuoto tremendo, ma soprattutto lo lascia ai figli, alla moglie, ai Linkin Park, i veri orfani di Chester. A me lascia il dolore di fan, ma soprattutto il dolore di chi a lui deve molto. L’essere ecologista, il trovare sapore e senso della vita, lottando ogni giorno per la natura, lo devo a lui, e solo a loro, il mio gruppo del cuore: i Linkin Park. Spero che possano continuare a cantare per lui e per noi, magari cambiando genere, non cantando più le vecchie canzoni, ma continuando a cantare. E’ l’unica cosa che voglio: che i Linkin Park continuino a vivere, ad esistere, e a cantare.

Per voi cosa ha rappresentato questo gruppo musicale?

OGGI ECLISSI DI LUNA


Risultati immagini per luna eclissi parziale

Stasera tutti con il naso e soprattutto con gli occhi all’insù, ad ammirare l’eclissi parziale di Luna. Un “morso”, un pezzo staccato dalla Terra che sarà visibile subito dopo il tramonto e durerà fino alle 22.51 quando uscirà completamente anche dalla penombra.

Fonte: Repubblica.it

E allora godiamoci lo spettacolo!

LATINA: 22 ARRESTI PER DISCARICA


Risultati immagini per latina cava discarica

Sversavano di notte rifiuti velenosi e li sotterravano in una cava dismessa. 22 arresti a Latina. Decine di camion e macchinari utilizzati per il trasporto e l’interramento immediato delle sostanze pericolose. E’ quanto ha scoperto la Polizia al termine di un’inchiesta che ha portato all’arresto di una ventina di persone accusate, a vario titolo, di far parte di un’associazione dedita al traffico illecito di rifiuti pericolosi.

Qui potete trovare l’articolo completo e il video delle telecamere nascoste che hanno scoperto il malaffare.

SICCITA’ IN TUTTA ITALIA


Risultati immagini per condotta idrica colabrodo

L’Italia ormai è entrato in uno stato di calamità naturale per via dell’assenza di piogge. Da Nord a Sud la situazione è drammatica. Qui in Sardegna, dopo i due giorni di nevicate intense a Gennaio seguiti da un acquazzone che ha sciolto in fretta tutta la neve non ha piovuto. Solo quattro ore di pioggia leggera in primavera, poi più nulla. D’estate un solo giorno due ore e mezza di pioggia, anche intensa, poi più nulla.

Dieci regioni italiane, mezza Italia, ha chiesto o sta per chiedere il riconoscimento dello Stato di Calamità Naturale. I danni all’agricoltura italiana sarebbero già stimati in due miliardi di euro. A causa degli acquedotti colabrodo, però, in Italia vengono persi ben 9 miliardi di litri di acqua al giorno! Servirebbe un ammodernamento dell’intero sistema infrastrutturale idrico, e un ritorno alla gestione nazionale o regionale (e quindi non privata) dell’acqua.

IL PARTITO DEL CEMENTO


{}

CARLOFORTE – HOTEL “LA CALETTA”

Il Partito Sardo del Cemento, il PD, che guida la Regione con il Presidente Pigliaru, ha dato il via libera a una serie di interventi sulle coste per “migliorare qualitativamente l’offerta ricettiva” (art. 31 della nuova legge). L’obiettivo della maggioranza è di portare in consiglio regionale un testo blindato, da approvare in tempi stretti, senza modifiche, subito dopo l’estate.

{}

COSTA VERDE RESIDENCE

Sulla carta avrebbe dovuto trattarsi della nuova legge urbanistica che la Sardegna attendeva da un decennio per completare la riforma di Soru, con impegni precisi: stop all’edilizia speculativa, obbligo per tutti i comuni di rispettare limiti chiari anche fuori dalla fascia costiera, per difendere tutto il territorio, fermare il consumo di suolo e favorire il recupero o la ristrutturazione dei fabbricati già esistenti. Invece l’articolo 31 stabilisce che «sono consentiti interventi di ristrutturazione, anche con incremento volumetrico, delle strutture destinate all’esercizio di attività turistico-ricettive».

{}

BAIA DELLE MIMOSE

Vi ricordate la pubblicità di un noto gestore telefonico mobile in cui i volumi delle case erano aumentate del 20% perché quella compagnia regalava il 20% di ricarica in più? Da quella pubblicità nacque l’idea del c.d. “Piano Casa” del Governo Berlusconi, che si è “inventato” un aumento volumetrico delle abitazioni fino ad un massimo del 20%. Il governatore del PD Pigliaru fa di più. Si può aumentare la cubatura fino al 25% in più, «anche in deroga agli strumenti urbanistici» in vigore, compresa la legge salvacoste.

{}

MURAVERA RESIDENCE

Dall’articolo di Repubblica da cui riporto queste informazioni e le immagini, si legge che «In pratica si può costruire un secondo hotel o residence in aggiunta al primo anche nella fascia costiera in teoria totalmente inedificabile», denuncia l’avvocato Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d’intervento giuridico (Grig), che per primo ha lanciato l’allarme. «Ma non basta: i nuovi aumenti di volume si possono anche sommare agli incrementi autorizzati in passato, ad esempio con il piano casa o con le famigerate 235 deroghe urbanistiche che furono approvate tra il 1990 e il 1992 dall’allora giunta sarda», sottolinea il legale, che esemplifica: «Un hotel di 30 mila metri cubi che deturpa una spiaggia, per effetto dei due aumenti cumulativi del 25 per cento ciascuno, sale quasi a quota 50 mila: per l’esattezza, si arriva a 46.875 metri cubi di cemento».

{}

SAN TEODORO – CALA GIRGOLU

Per ulteriori approfondimenti vi invito a leggere questo articolo. E’ sconcertante. Il Partito della Distruzione è a lavoro.

{}

TEULADA

IL SUD BRUCIA


Risultati immagini per vesuvio

Il Sud brucia sotto i colpi di deficienti senza testa che si divertono ad appicare incendi mandando in fumo migliaia di ettari di macchia mediterranea. Quello che sta succedendo nel Sud Italia in questi giorni è davvero sconvolgente. Roghi appiccati dolosamente che stanno devastando la Sicilia, soprattutto nel messinese e nel catanese, dove le fiamme hanno lambito alcune abitazioni; e Napoli, con il Vesuvio, dove addirittura hanno dato fuoco ad animali vivi per estendere il rogo! Cosparsi di benzina, gli animali corrono disperatamente cercando una salvezza, una via di fuga, che li porta a morire tra atroci sofferenze appiccando il fuoco ovunque.

Risultati immagini per catania incendio

In questi mesi di estrema siccità e di un’aridità impressionante, appiccare il fuoco dolosamente è un atto di criminalità, che va punito senza sconti di pena. E qualche cretino commenta, ma mi rifiuto di riportare i loro commenti, che devono essere soppressi sul nascere, senza dare loro alito. Ma certi “giornalisti” o presunti tali si permettono di dare fiato alle loro trombe.

Risultati immagini per messina incendio

Il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, chiede al Governo di dichiarare lo Stato di Calamità Naturale per via della siccità e degli incendi. La Protezione Civile dichiara che questo è l’anno più drammatico dal 2007 in conto di interventi sul fronte degli incendi.

Risultati immagini per messina incendio

Non so veramente come concludere questo post. Esprimo solo la mia vicinanza alle popolazioni coinvolte, a tutti, anche a coloro che hanno appiccato volontariamente l’incendio, perché sono solo dei disgraziati: se non pagate in prigione sarà la vita a restituirvi il conto, e credetemi: è molto meglio per voi pagare in prigione piuttosto che nel corso della vostra vita… Perché la vita è vendicativa. Si ribella, restituisce il conto. Sempre, purtroppo. E vi auguro che scontiate in galera.

Risultati immagini per messina incendio