LO SPRECO


Invaso troppo pieno: buttate l’acqua al mare. E’ paradossale, in un lunghissimo periodo di siccità come quello che si è appena concluso, sentire questa frase. Eppure quello che è successo in Sardegna, nella Diga “Maccheronis”, sul Rio Posada è davvero sconcertante. Si ordina di aprire le paratie per far tornare la diga a livelli di sicurezza relativi al mese di febbraio. Visto che ha piovuto molto di più, si rischia l’esondazione, perciò bisogna svuotare l’invaso. Con il rischio (per niente remoto) che a marzo, aprile, maggio e giugno piova molto meno rispetto a quanto previsto.

Ma come riporta il bollettino dei serbatoi artificiali del sistema idrico della Sardegna del 31 gennaio: “i quantitativi d’acqua presenti nel sistema degli invasi sardi era pari al 47%, corrispondenti a 831 milioni di metri cubi d’acqua. Sempre al 31 gennaio, relativamente alla siccità si è registrata complessivamente una condizione di “Livello di pericolo” (allerta) con un valore dell’indicatore pari allo 0,18″. Una situazione quindi alquanto critica, denuncia la Consigliera Regionale del PD Daniela Forma, “se si pensa che la forbice che individua una condizione di ‘allerta siccità’ oscilla tra lo 0,15 e lo 0,3 e che ci troviamo nel pieno della stagione invernale“.

Situazione ancor più delicata se si considera che l’invaso del Maccheronis serve Posada, Torpè, Siniscola, San Teodoro e Budoni, comuni, a forte vocazione agricola e turistica, interessati nei mesi scorsi da importanti restrizioni idriche per uso irriguo.

Fonte: admaiora media

Speriamo si ravvedino e che si studino soluzioni per risparmiare acqua e per condividerla con chi non ne ha. Cosa ne pensate di questa situazione?

Annunci

TUTTI CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE


Sembra un tiro al bersaglio. Tutti (destre, sinistre, centri, giornali e giornalisti, tutti i TG, portavoce degli impresentabili che stanno per essere imposti nelle liste elettorali) attaccano il MoVimento 5 Stelle. Perché? Perché se dovessero entrare al Governo del Paese sanno che finiranno chi in carcere, chi a casa, chi sotto i ponti. Perché i 5 Stelle aboliranno privilegi e vitalizi, e gli altri partiti si vogliono tenere tutto.

Si vogliono tenere tutto e attaccano i candidati dei 5 stelle che non hanno donato proprio tutto. Voglio dire ai lorsignori e a tutti coloro che leggono questo post che il MoVimento 5 Stelle è l’unico MoVimento, anzi, chiamiamolo “partito” che ha restituito il 50% di quanto spettava loro istituendo un fondo per le Piccole e Medie Imprese. Tutti gli altri partiti, tutti nessuno escluso, non hanno versato, non hanno donato un solo centesimo di quanto spettava loro. Si sono tenuti tutto. E attaccano l’unico partito che invece di tenere per sè quanto gli spettava ha donato il 50% di quanto gli è rimasto al netto di tutte le spese, per le Piccole e Medie Imprese.

Il MoVimento 5 Stelle è l’unico partito che parla del suo programma, degli altri partiti e coalizioni non ho sentito una sola parola di quello che vogliono fare. Solo fango sputato in faccia ai 5 Stelle: destra, sinistra, giornali e giornalisti portavoce di questi DISonorevoli. Alessandro Di Battista, intervistato ieri a Di Martedì ha detto che il Servizio delle Iene che ha fatto scoppiare questo “scandalo” (solo mediatico) ha messo in luce non solo il marcio, ma anche il buono: il MoVimento 5 Stelle ha restituito, per via di tutti i suoi parlamentari, oltre 23 milioni di euro che spettavano a loro secondo la legge, e si dice fiero di questo. Qui l’intervista integrale:

http://www.la7.it/dimartedi/video/lintervista-ad-alessandro-di-battista-m5s-13-02-2018-233947

Di Maio ha già dichiarato che il giorno delle elezioni, qualora risultassero eletti, questi disonesti saranno espulsi dal gruppo parlamentare del MoVimento 5 Stelle. Chi degli altri partiti lo fa?

Volete votare Destra o Sinistra perché giornali, tg, e politici disonorevoli vi dicono che i 5 Stelle sono inaffidabili e disonesti? Volete votare chi ha abolito la Forestale e l’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori (PD)? Volete votare chi voleva introdurre la Clausola di Salvaguardia dell’Interesse Nazionale, per cui vi possono imporre qualsiasi industria mortale come inceneritori, discariche di amianto o di scorie radioattive, al di là di tutte le preoccupazioni dei cittadini, ASL, politici locali e regionali (Sempre PD)? Volete votare chi promette abusi edilizi di necessità, condoni e autodichiarazioni per costruire un palazzo, un paese senza controlli (Forza Italia)? Non volete votare affatto perché PD ha fatto questo, Forza Italia quest’altro e i 5 Stelle sono inaffidabili? Sbagliate di grosso e fate un grosso danno al Paese, oltre che a voi stessi, perché di solito chi non vota pensa: “non mi rappresenta nessuno, non voglio che mi governi nessuno di questi”. Vi sbagliate! Se non votate vi comandano lo stesso, che lo vogliate o no. Siete comunque sottomessi alle leggi. Per cui votate e mandate a casa o in galera questi disonesti.

Io voto e invito a votare il MoVimento 5 Stelle, l’unico partito che in questa campagna elettorale ha parlato di programma, l’unico che restituisce quanto per legge gli spetta, l’unico che promette di abolire privilegi, pensioni d’oro dei parlamentari e vitalizi. Pensateci, turatevi il naso e votate il “meno peggio”: il MoVimento 5 Stelle.

SARTIGLIA LIVE


sartiglia

Nelle giornate di oggi e di martedì, Ambiente sul Web trasmetterà la giostra equestre più spettacolare della Sardegna: la “corsa alla stella”, le sartiglie, che precedono le spericolate “Pariglie”. In diretta su Videolina e su Ambiente sul Web, da Oristano al mondo. Godetevi lo spettacolo. Alle 12:00 la vestizione, e alle 14:00 la Corsa alla Stella. Questi sono i link dove potrete seguire la diretta.

pariglia

http://www.videolina.it/live

e se non dovesse funzionare

http://www.videolina.it/

“BUON” SANGUE NON MENTE


Elezioni, Berlusconi torna a promettere condoni edilizi e fiscali: “Case senza licenza e 15% per chiudere col fisco”

L’ex Presidente del ConSilvio Berlusconi, che non può essere eletto in questa legislatura per via di una sentenza in attesa di pronuncia (a maggio) sulla sua candidabilità o meno, continua a fare campagna elettorale uscendo in TV manco fosse lui il candidato Premier, promettendo mari e monti. Promette (di nuovo!) il Ponte sullo Stretto di Messina, un milione di nuovi posti di lavoro, e pensioni minime (o al minimo?). Soprattutto “buon” sangue non mente! Infatti, essendo il fondatore della Fininvest, e avendo lavorato per anni nel settore dell’edilizia, ha spiegato il suo programma elettorale per quanto riguarda il reparto delle costruzioni.

In sintesi: costruire palazzi senza alcun permesso e aprire attività commerciali senza nessuna licenza. E poi la chiusura delle pendenze fiscali pagando il 10% di quanto si deve allo Stato. D’altronde, da “buon” palazzinaro ed evasore fiscale cosa ci si può aspettare che proponga? “Bisogna cambiare le regole: chi deve costruire una casa o aprire un’attività commerciale, non dovrà più aspettare anni per permessi e licenze. Dovrà dichiarare l’inizio dell’attività e assumersi la responsabilità di rispettare le leggi. Solo dopo verranno i controlli”, ha detto l’ex premier a Radio 24.

Ha inoltre dichiarato di essere favorevole ad un “abusivismo di necessità”, aggiungendo: “solo se si restringe con il massimo rigore il concetto di necessità”. In un paese dove su 100 case autorizzate, 20 sono abusive, l’ex premier vorrebbe dare la possibilità a tutti di costruirsi il suo palazzo con una semplice autodichiarazione, così, per sfoltire la burocrazia, tanto i controlli arrivano solo a lavori ultimati. Contrario sia ai condoni edilizi che all’abusivismo di necessità si dice Matteo Salvini, soprattutto per via di un paese già troppo fragile e cementificato come il nostro.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

E voi volete votare la coalizione di centrodestra? Una cosa è certa: se vince il PD e la coalizione di centrosinistra governa Renzi, se vincono i 5 Stelle governa Di Maio, e visto che loro fanno questo gioco, per cui all’interno della coalizione, se risulta quella vincente, governa il partito che prende più voti: se vince la Lega governa Salvini, se vince Fratelli d’Italia governa la Meloni, se vincono i centristi governa Casini o chi per lui, e se vince Forza Italia? Chi governa, visto che lui è ineleggibile, ma continua a fare campagna elettorale come se fosse lui il candidato?

Ragionate anche su questo quando andate a votare. Vi fidate di lui “a scatola chiusa”? Ricordatevi di queste sue parole e promesse quando vi recherete alle urne.

IL NUOVO STERMINIO


Risultati immagini per cani randagi russia

Ancora una volta si assiste allo sterminio dei cani randagi in occasione di grandi eventi sportivi. Questo è il secondo sterminio ad opera della Russia dopo quello perpetrato in occasione delle olimpiadi di Sochi nel 2014. Anche stavolta, in occasione dei Mondiali di Calcio, vengono sterminati i cani randagi che si trovano nelle 11 città teatro della prossima manifestazione sportiva mondiale. 

I “volontari” vengono pagati dal Governo Russo l’equivalente di 130 euro per ogni cane catturato ed abbattuto. L’accusa è stata lanciata da Ekaterina Dmitrieva, direttrice dell’organizzazione animalista City animal protection foundation, che ha lanciato anche una petizione su Change.org firmata da oltre 650mila persone, nella quale si chiede al premier russo Vladimir Putin, all’allenatore della nazionale russa Stanislav Cherchesov e al presidente della Fifa Gianni Infantino, di fermare la strage di animali senza padrone. Io l’ho firmata, e vi invito a farlo anche a voi.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

E’ un nuovo sterminio di massa. Stavolta le vittime sono i nostri amici a 4 zampe. Come dicevo in un’altra occasione: “il decoro di una città non sta nel far sparire i senzatetto e i barboni, ma quello di accudirli, di dare loro pasti caldi e coperte per superare le notti più fredde, se non è possibile fornire loro una sistemazione adeguata”. Così vale anche per i cagnolini senza padrone. Possono stare nei canili comunali, ovviamente in spazi aperti e adatti alle loro esigenze. E allora perché sterminarli? Dove sta il vero decoro?

DIESELGATE: IL RITORNO


Il caso dei test sulle scimmie, compiuti ad Albuquerque negli Stati Uniti, è iniziato venerdì, con un'inchiesta del New York Times in cui si parlava di un coinvolgimento dell'European Research Group on Environment and Health in the Transport Sector (Eugt), un istituto fondato dalle principali case automobilistiche tedesche. Gli stessi marchi avevano commissionato lo studio nel 2014, poco prima del Dieselgate, lo scandalo legato alle emissioni cancerogene prodotte dalle vetture vendute negli Stati Uniti e in Europa. L'Eugt, che è stato rimosso lo scorso anno, riceveva tutti i suoi finanziamenti proprio dai marchi tedeschi (Volkswagen, Daimler e Bmw) ma non è chiaro se le case automobilistiche – che hanno già preso le distanze dallo studio dell'Eugt con dei comunicati – fossero a conoscenza delle metodologie usate nel realizzare i test.

Dieselgate 2.0. Ritorna lo scandalo Dieselgate in Germania, e stavolta è ancora peggio del primo scandalo, quello sul software che truccava i dati sulle emissioni diesel nelle auto della Volkswagen. Secondo il New York Times, le industrie automobilistiche tedesche avrebbero finanziato ricerche sui gas di scarico su scimmie ed esseri umani.

Secondo lo Stuttgarter Zeitung, il Giornale di Stoccarda, un gruppo formato da BMW, Daimler e Volkswagen, avrebbe condotto dei test su 25 persone giovani e in salute, volontari, ma anche sulle scimmie (che volontarie non sono), esaminate dopo aver inalato per 28 giorni consecutivi, per 3 ore al giorno, biossido di azoto in diverse concentrazioni nei laboratori di Aquisgrana in Germania.

La Cancelliera Tedesca Angela Merkel ha commentato: “i test sugli animali e perfino sulle persone non trovano alcuna giustificazione sul piano etico e l’indignazione di tante persone è assolutamente comprensibile”. Uno studio recente dell’Istituto Iiasa ha rivelato che sono almeno 425mila le morti annue riconducibili all’inquinamento dell’aria nei 28 Paesi dell’Unione europea più Norvegia e Svizzera. Poco meno di 10mila decessi sono attribuibili alle emissioni di ossidi di azoto dei motori diesel e, di questi, 4.560 sono collegabili alle emissioni in eccesso rispetto ai limiti dichiarati dai produttori di veicoli.

L’Italia avrebbe un triste primato, con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2.810 morti all’anno, di cui 1.250 legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio.

Fonte: lifegate.it

Quando il diesel è andato di moda perché hanno abbassato il prezzo del gasolio rispetto a quello della benzina, avevano detto che il diesel inquinava meno rispetto agli altri tipi di carburante. Ci avevano fregato. Il gasolio inquina di più rispetto alla benzina e al GPL. E noi ci siamo lasciati abbindolare da parole come “Dieseltech”, o “Filtro Anti Particolato”, che garantivano minori emissioni nell’atmosfera, e quindi minor impatto ambientale. E molti continuano a comprare auto a diesel perché il pieno costa sicuramente di meno.

INCIDENTE SUL LAVORO A MILANO


Risultati immagini per lamina milano

Tre morti, tre intossicati. Questo è il drammatico bilancio dell’incidente sul lavoro avvenuto a Milano martedì pomeriggio in un’azienda, “Lamina”, la quale ha un forno che si trova a due metri sotto il livello stradale, è utilizzato per la fusione di materiale ad altissime temperature.

Quattro operai avevano il compito di occuparsi della manutenzione del forno, ma subito dopo l’inizio dei lavori sono stati avvolti dalle esalazioni tossiche. Tre di loro sono morti, uno è ricoverato in gravissime condizioni. Altri due colleghi, accortisi di quello che stava accadendo, hanno chiamato i soccorsi dopo aver tentato invano di soccorrerli.

Quando sono arrivati i soccorsi, i paramedici si sono trovati di fronte ad una situazione terrificante. Dei quattro operai in arresto cardiaco, che sono stati trasportati agli ospedali più vicini, tre sono morti poco dopo l’arrivo negli ospedali, un altro è in gravissime condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita. Gli altri due sono stati portati all’ospedale per precauzione ma sono già stati dimessi.

L’allarme antigas non ha suonato. Indagati i vertici dell’azienda per omicidio plurimo. La “Lamina” è stata posta sotto sequestro.