INCENERITORE? RIFIUTIAMOCI


inceneritore

Molti pensano che l’inceneritore sia un “male necessario“, per eliminare, bruciandoli, i rifiuti che non si possono riciclare o smaltire in altro modo. Altri pensano che l’inceneritore sia necessario, e che non sia un male. Alcuni, i c.d. “moderati” (ma solo nei termini, per indorare la pillola), lo chiamano, esaltandolo, “termovalorizzatore“, perché ha la capacità di produrre “energia“.

Io non ce la faccio a pensare che l’inceneritore sia un male necessario, o necessario e basta. Eppure continuano a proporcelo come sviluppo e lavoro. Peccato che ci sia un prezzo (salato) da pagare per lo sviluppo e per il lavoro, in conto di diossina: veleni prodotti dall’attività di combustione dei rifiuti. E i veleni portano malattie.

A Macomer, in provincia di Nuoro, il cancro ha bussato a quasi tutte le porte. Nel 1994 sono stati inaugurati due “forni” di incenerimento, che ora vogliono “mandare in pensione”. Allora si cambia strategia? No, al posto dell’inceneritore, ecco un altro inceneritore. Ed ecco la protesta della popolazione, già duramente provata in questi venti anni dai veleni prodotti da questi due forni.

Perché non si valuta un’alternativa e non si vuole ascoltare la voce della gente?” chiede una giovane donna guarita dal cancro. Sul progetto del nuovo inceneritore, il Consorzio industriale rassicura. Ma i Medici per l’Ambiente avvisano: “È un progetto empio“. E il carico di diossina, dicono, “aumenterà del 13 per cento“.

Fonte: L’Unione Sarda

Il Comitato “Non Bruciamoci Il Futuro”, sezione di Macomer, ha risposto punto per punto alle provocatorie dichiarazioni di un tecnico della Tossilo:

Il Comitato “Non Bruciamoci il futuro” ha proposto, come alternativa alla realizzazione del nuovo inceneritore di Macomer, un Centro di riciclo con trattamento a freddo dei rifiuti simile a quello di Vedelago. La società che a Vedelago gestisce quel Centro è fallita e di conseguenza la proposta del Comitato “Non Bruciamoci il futuro” era fasulla. Che cosa avranno da dirci adesso al riguardo lor signori?

La risposta la trovate qui.

E’ ormai noto a tutti, anche a chi dichiara il contrario, che l’era dell’incenerimento dei rifiuti è tramontata. Ci sono nuovi metodi di trattamento dei rifiuti: riciclaggio, anche creativo, trattamento “a freddo”, compostaggio, e altri metodi, sicuramente meno velenosi rispetto agli inceneritori. Perché allora fanno orecchie da mercante? Perché il business tappa le orecchie e offusca la vista. Noi ci… rifiutiamo di accettare gli inceneritori. Abbiamo bisogno di cambiare veramente. E voi?

Lascia la tua impronta, purché sia "ecologica"

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...