CHE SCHIFO!


Il turista maleducato fotografato dal...

Un turista del Nord Italia ha defecato sulla battigia di Masùa, a pochi passi da un bar dotato di servizi igienici. E’ successo domenica scorsa, tra l’indignazione dei tanti bagnanti presenti nella meravigliosa spiaggia di Masùa, con vista sul Pan di Zucchero. Un lettore di uno dei più importanti quotidiani sardi La Nuova Sardegna lo ha immortalato e segnalato alla redazione.

Fonte: La Nuova Sardegna

Mi auguro che lo abbia segnalato anche alle forze dell’ordine, perché quello che ha compiuto è stata veramente una cagata pazzesca! Spero che almeno abbia raccolto con la paletta i suoi bisognini. O con la lingua… Fai schifo!

Annunci

LO SPETTACOLO DELLE BALENE


Risultati immagini per balene cala gonone

Giovedì scorso alcuni turisti si sono trovati di fronte a due balene. E’ successo a un gruppo di turisti stranieri che si trovavano su un gommone per un’escursione nel tratto di mare tra Cala Gonone e Baunei.

In questo link trovate il video.

TUTTE LE BANDIERE BLU 2018


Su un totale di 368 spiagge premiate con la bandiera blu nel mondo, ben 175 si trovano solo in Italia. La regione più premiata dalla FEE (Foundation for Environmental Education – Fondazione per una Educazione Ecologica) è stata la Liguria, con 27 località, seguita dalla Toscana, con 19 lidi, e dalla Campania, con 18. La Sardegna conquista 13 bandiere blu per quanto riguarda i comuni, e ben 43 spiagge, specialmente nel Nord Sardegna, nel Sassarese e in Gallura, piazzandosi al sesto posto nella classifica delle Regioni italiane più premiate.

Fonte: corriere.it

TREMITI: VIETATE LE STOVIGLIE DI PLASTICA


Risultati immagini per tremiti

Tremate amanti dell’usa e getta! Alle Tremiti vengono vietate dal Sindaco le stoviglie di plastica. Pena una sanzione dai 50,00 fino ai 500,00 €. Al loro posto potranno essere utilizzati contenitori biodegradabili. Il provvedimento è partito dopo la denuncia di uno studio del CNR di Genova, che dimostra che nelle isole Tremiti si registrano quantità di microplastiche fra le più alte d’Italia.

Risultati immagini per tremiti

Dai risultati era emerso che le aree più inquinate sono quelle di Portici e delle Tremiti, con livelli comparabili a quelli “presenti nei vortici oceanici del nord Pacifico”, le cosiddette “zuppe di plastica“. In particolare, nelle isole a largo di Foggia sono stati ritrovati 2,2 frammenti per metro cubo. “Come nuotare in mezzo a 5.500 pezzi di plastica”, avevano spiegato i ricercatori.

Risultati immagini per tremiti

Il Sindaco delle Isole indica anche le prossime mosse: “Il prossimo passo sarà vietare le bottiglie di plastica e i contenitori di polistirolo, quelli che usano i pescatori per trasportare il pesce e che si ritrovano spesso in mare. Rivolgo un appello a tutti i sindaci delle isole e dei Comuni italiani che si affacciano sul mare a fare lo stesso”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Risultati immagini per tremiti

Vogliamo continuare ad avvelenare questo paradiso? Fermiamoci, finché siamo in tempo.

SPRECO D’ACQUA… E TRE!


Risultati immagini per uta cixerri diga

Ancora spreco d’acqua potabile in Sardegna. Stavolta è un guasto all’impianto oleodinamico a provocare l’apertura delle paratie della Diga del Cixerri (x = j di “je suis”) che ha sversato in mare settantamila litri d’acqua al secondo, dal 27 marzo alla notte del 30 marzo. Milioni di metri cubi persi in tre giorni, per consentire la riparazione del guasto.

Il Deputato di “Unidos”, Mauro Pili, denuncia: “Mentre le dighe della Sardegna da nord a Sud sono vuote in quella di Genna Is Abis con un potenziale di 24 milioni di metri cubi da stanotte, per un guasto, sono stati aperti gli scarichi e l’acqua va persa in mare. Un fiume d’acqua sprecato, una pessima gestione idrica da parte della Regione. E’ uno scandalo intollerabile. L’acqua dovrebbe essere confluita negli altri invasi che attualmente sono vuoti”

Fonte: castedduonline.it

Si continua a sprecare. Io continuerò a segnalarvi questi sprechi d’acqua inaccettabili, soprattutto dopo un anno di siccità quasi totale come quella dell’anno scorso. E’ un colpo al cuore, ogni volta. Buona Pasqua a tutti, possibilmente senza sprechi 🙂

GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA… SI SPRECA ANCORA.


Risultati immagini per acqua

Oggi si celebra la 25esima Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dalle Nazioni Unite per sottolineare l’importanza del cosiddetto “Oro Blu” e la necessità di renderla accessibile a tutti. A proposito di accessibilità, ad oggi 840 milioni di persone nel mondo non hanno accesso all’acqua potabile. In India la situazione è drammatica: nonostante sia uno dei Paesi più piovosi, a causa dell’alta densità di popolazione e di industrializzazione, le acque superficiali sono inquinate, o rese tossiche dall’attività industriale, e le falde acquifere sono in esaurimento.

Si calcola che entro il 2050 le persone che soffriranno di carenze idriche nel mondo cresceranno fino a toccare i 6 miliardi a fronte di una popolazione globale che raggiungerà i 10 miliardi di abitanti.

Fonte: Rainews.it

Risultati immagini per diga pranu antoni

A fronte di questa situazione che potremmo paragonare ad una bomba ad orologeria, c’è chi ancora spreca l’acqua, e la butta a mare perché gli invasi sono troppo pieni. Nei giorni scorsi ho parlato del Rio Posada, ma in Sardegna si registra anche un altro caso, nella piccola Diga di Fordongianus, Pranu Antoni (nella foto).

Dopo anni di siccità, culminati nel 2017 con un anno disastroso in conto di precipitazioni, è inaccettabile, secondo il Presidente della Coldiretti di Oristano Giovanni Murru, buttare a mare questa risorsa preziosa per “ragioni” di sicurezza pubblica, per evitare le alluvioni. Secondo il vice Presidente della Coldiretti Oristano, Emanuele Spanò, occorrerebbe approfittare di situazioni come quella  attuale  per accumulare risorse idriche per i tempi di secca.

“Sono tanti anche nel nostro territorio – afferma – i rivi stagionali con buone portate che vanno direttamente a finire sul mare. Per quanto sia fisiologico  che una parte dell’ acqua scorra verso il mare, appare sempre più indispensabile addivenire alla realizzazione di un programma organico di raccolta delle acque”. Se mai si dovrebbe “aumentare  la capacità della diga. Sarebbe già questa una risposta duratura alle periodiche stagioni siccitose”, conclude Spanò.

Fonte: sardegna reporter.it

ACQUE TERRITORIALI: QUAL E’ LA VERITA’?


Risultati immagini per giù le mani dai confini

Continua la diatriba sulla notizia della probabile cessione gratuita di acque territoriali alla Francia da parte dell’Italia, per via di un accordo che avrebbe ridefinito i nuovi confini marittimi tra i due Paesi. “L’accordo, prevedente la cessione a titolo gratuito da parte dell’Italia verso la Francia di acque territoriali, era stato giustificato da Gentiloni come “un atto necessario per aggiornare i confini alla luce della convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (Unclos) del 1982”. Il medesimo atto prevede che le acque territoriali francesi in prossimità della Corsica passino da 12 a 40 miglia, mentre il confine al largo della parte nordoccindentale della Sardegna si allarghi fino alle 200 miglia”.

Fonte: wallstreet italia

Questa notizia è stata però smentita dalla Farnesina (leggete qua). Qual è la verità? Io credo a quello che dice la Farnesina, secondo la quale l’accordo “bilaterale” non è stato ratificato dall’Italia. E spero che non lo ratifichi mai. Voi ne sapete qualcosa di più?